DR Healthcare
Migracalm
  EMICRANIA  
  » CHE COS'╚?
  » NOTIZIE  
CHE COS'╚ L'EMICRANIA?  

Fino ad oggi, i neurologi hanno identificato 165 classi diverse di mal di testa. Questi diversi tipi di dolore possono dividersi in tre grandi gruppi: La cefalea tensionale (mal di testa di causa muscolare, dovuto a una rettificazione della colonna e come conseguenza, questa perde la curva normale a causa dell'accorciamento o dello spasmo dei muscoli), che Ŕ quella pi¨ comune e meno dolorosa, la cefalea di rimbalzo (cefalea perenne come conseguenza di un abuso di analgesici.), dovuta alla consumazione di analgesici (medicinale che calma o sopprime il dolore di qualunque causa senza modificare altre sensazioni), e emicrania (mal di testa periodico, all'inizio spesso temporale e unilaterale, che si manifesta con vomito, costipazione o diarrea e fotofobia), e con dolore spesso insopportabile.

L'emicrania Ŕ una malattia cronica, di cause sconosciute, che si manifesta con crisi periodiche di cefalee o mal di testa.


╚ importante sapere che il cervello in se Ŕ insensibile al dolore, quindi l'origine del mal di testa Ŕ dovuto ad alterazioni di diverse strutture che lo circondano: i tessuti che lo avvolgono (meningi), le arterie e vene del cervello, le ossa craniali, i muscoli e fasce, la pelle che circonda il cranio.

Anche se tutti conoscono il malessere che produce il mal di testa o la cefalea, solo un 16% della popolazione soffre del dolore intenso dell'emicrania.


I neurologi (esperto del sistema nervoso e delle malattie derivanti) e i genetisti capiscono sempre meglio i complessi processi biochimici del mal di testa dell'emicrania, e di conseguenza, i laboratori sviluppano medicinali pi¨ efficaci per combatterlo, anche se forse la soluzione non va cercata sempre nei medicinali (composto chimico utilizzato in terapeutica. ╚ l'agente o sostanza chimica, semplice o composta, che si amministra con fini terapeutici), poichÚ l'emicrania continua ad essere una vera tortura; per l'intensitÓ e la durata (da 4 a 72 ore), per la frequenza (generalmente vari episodi al mese), per la varietÓ di sintomi che l'accompagnano, come la sensazione di nausea, vomito, fonofobia(intolleranza anormale al suono e ai rumori) (disturbo al rumore ambientale), fotofobia(intolleranza anormale alla luce.) (disturbo alla luce ambientale, visione doppia, ecc), ; per la varietÓ di fattori scatenanti come i cambiamenti atmosferici, la dieta, il sonno, lo stress... Per la sensazione d'incapacitÓ che provoca, Ŕ chiaro che l'emicrania non Ŕ un semplice mal di testa. L'emicrania Ŕ una vera tortura per chi la patisce.

Etimologicamente, la parola emicrania viene da greco hemikrania, che significa mezzo cranio, perchÚ spesso il dolore prende un lato della testa.

Normalmente le emicranie si sviluppano pressappoco allo stesso modo, e si dividono in quattro a cinque fasi:












1/. All'inizio, si presenta la fase prodromica. Tre o quattro ore prima dell'inizio del mal di testa, compare la sensazione di insofferenza alla luce (fotofobia), eccesso di sete e sonno. Compaiono anche l'insofferenza al rumore dell'ambiente (fotofobia). La combinazione di questi primi sintomi provocano un'alterazione del carattere.

2/. La seconda fase o fase dell'aura (fase dove appare la sensazione o il fenomeno particolare che precede l'attacco di emicrania. Pu˛ essere di carattere motore, sensoriale, vasomotore, secretorio o psichico), la soffrono soltanto una piccola percentuale di pazienti con emicrania. Certe persone affermano che percepiscono luci brillanti che scintillano, combinate con macchie scure o "mosche". Questa fase dura normalmente una o due ore, prima dell'arrivo del dolore.Questa sensazione di disturbi oculari Ŕ dovuta alla diminuzione del flusso sanguineo, quindi dell'ossigeno, che proviene da una vasocostrizione arteriosa".

3/. La terza fase, o seconda per la maggioranza dei malati, Ŕ l'inizio del mal di testa, la fase di cefalea (Ŕ la fase dove compare il mal di testa. In questa fase, Ŕ comune che ci siano allo stesso tempo altri sintomi, nausea, vomito, fotofobia, fonofobia). Si tratta di un dolore Molto intenso che dura molte ore, fino a 72 ore. Normalmente Ŕ accompagnato da un dolore pulsatile (dolore che sopraggiunge con intermittenza sotto forma di pulsazioni o battiti ritmici) all'altezza delle tempie. Dopo le prime ore di dolore, arriva la nausea, il vomito e in certi pazienti l'intolleranza per gli odori o l' osmofobia (intolleranza anormale alle odori).

4/. Con o senza medicine, il paziente cerca di calmare il dolore, conciliando il sonno, anche se non Ŕ facile riuscirci. Con il sonno, entriamo nella fase di risoluzione (fase dove i sintomi diminuiscono poco a poco fino a scomparire completamente).

5/. Fase posdromica (fase che precede le fasi dell'aura e della cefalea). Passata la crisi di emicrania, i pazienti sono stanchi e deboli, con uno stato d'animo basso, ma con una certa sensazione piacevole di sollievo, dopo l'intenso dolore subito.

La sensazione di dolore si manifesta nella periferia cerebrale e durante la crisi di emicrania, alcune vene e arterie che irrigano il cervello, soffrono di vasodilatazione (dilatazione dei vasi sanguigni, dovuto sia a un aumento della pressione intravascolare (vasodilatazione passiva) sia a una diminuzione della tensione vasomotrice, dovuta al rilassamento della muscolatura vascolare) dovuta a un'infiammazione di origine non infettiva. Il dolore dipende dalla dilatazione dei vasi sanguini della testa che stimolano le terminazioni nervose che a loro volta provocano il dolore. Quando passa il fiotto di sangue dalla zona irritata, provoca una pressione sul vaso dilatato che si traduce in dolore intenso.

Tra i vasi che provocano pi¨ sensazione di dolore, ci sono le arterie temporali, che si possono toccare all'altezza delle tempie. La maggior parte dei pazienti di emicrania assicura che istintivamente, quando compare il dolore, premono questa zona con le dita, per calmarlo. Effettivamente, gli specialisti confermano che la pressione in questa zona ammortisce la pulsazione di dolore provocata dal sangue quando passa dall'arteria dilatata.

Questo Ŕ esattamente il principio di MIGRACALM®, calmare il dolore esercitando una pressione leggera e permanente sul punto dove si concentra il dolore pi¨ forte.
.
Facebook Migracalm
Blog
Condividi questa pagina
Bookmark and Share

MIGRACALM® calma il dolore dell'emicrania premendo sulle arterie temporali superficiali.
| Mappa del sito | Avviso legale |  Crediti |  Webmaster |
ę DR Healthcare Espa˝a, S.L.
Tutti i diritti riservati